skip to Main Content
Email Design Guida E Podcast

Email design guida e podcast

Quando si dice design si pensa immediatamente all’aspetto estetico di un oggetto, eppure, le linee guida nell’email design non riguardano solo questo.

Nelle prossime righe ti parlerò meglio di questo concetto che ho approfondito anche nella seconda puntata del corso sulle strategie di email marketing e lead generation, training email efficace, ospitato dalla piattaforma Patreon, a cui potrai accedere al costo di 1 $ al mese.



Guida al design delle email

Ho già parlato di quanto sia utile tracciare delle norme condivise nell’email marketing per ottenere una comunicazione efficace. All’interno di queste guideline andrebbero inserite anche le regole relative al design.

La premessa è che il fattore estetico delle email è condizionato dal suo linguaggio di programmazione e, al tempo stesso, influisce sulle prestazioni delle metriche di coinvolgimento dell’email marketing come, ad esempio, aperture e clic.

Per questo il design della newsletter deve essere progettato con criterio, tuttavia, quando si parla di email design oltre ai contenuti visuali se ne devono prendere in considerazione anche alcuni testuali.

Cattivo email design + cattiva user experience = pessime prestazioni
Cattivo email design + cattiva user experience = pessime prestazioni


In ambito visuale, si fa riferimento al template, cioè la struttura della mail che può essere a una, due, tre colonne oppure anche di solo testo, e al suo tema ovvero agli elementi che attengono all’immagine coordinata come codici colore, tipi di font, loghi e altro.

Nel caso di elementi testuali, si prende in considerazione come devono essere rappresentati titoli, paragrafi e footer e se, ad esempio, utilizzare o meno emoticon nell’oggetto.

Dopo che avrai stabilito le regole del tuo email design, sarai in grado di creare dei modelli pronti da utilizzare in base allo scopo della tua comunicazione, personalizzandoli di volta in volta.



Cosa ascolterai nella puntata n. 2 di “Email Efficace”:

0.50 Quanti modelli di email preparare

Il design non dovrebbe essere unico ma andrebbero previsti almeno tre modelli di mail in base alle funzioni che il messaggio deve espletare

1.20 L’email non è un sito web

Il design delle email non è lo stesso dei siti web. L’email marketing eredita un linguaggio più “antico” e complesso per questo deve rispettare delle regole precise.

2.26 L’estetica guarda alle prestazioni

Il fattore estetico delle mail è condizionato dal suo linguaggio e contribuisce alle metriche di coinvolgimento dell’email marketing

2.53 Cosa si intende con email design

Quando si parla di email design si prendono in considerazione sia i contenuti testuali sia quelli visuali

3.40 Less is more

Nel design dell’email è preferibile rimanere semplici perché il linguaggio deve essere tradotto per l’ambiente in cui si trova

4.22 Tutti i template devono essere responsive

Un consiglio su quali template utilizzare ai fini di risultare sempre responsivi su tutti i dispositivi

5.11 Cos’è il template della newsletter e cosa definisce

Gli elementi definiti dal template email

5.45 Cosa deve essere presente nel piede della newsletter

Elementi che devono essere sempre presenti nel footer delle newsletter

6.22 Quanti template creare per le proprie comunicazioni e perché

Consiglio sul numero di template da creare

7.15 Differenze tra template di newsletter informative e quelle commerciali (DEM)

Vediamo quali sono le differenze tra un modello per contenuti di informazione e uno per quelli commerciali

8.14 Quante call to action (CTA) inserire all’interno del template

Best practice per le CTA

9.04 Che uso fare delle immagini se hai un ecommerce

Best practice per le immagini se vendi online

9.37 Che uso fare delle immagini se non hai un ecommerce

Best practice per le immagini se non vendi online

10.27 Come fare A/B test su un template

Puoi mettere in competizione due o più elementi per comprendere quale porta più clic al tuo contenuto

11.29 Come ottimizzare le immagini delle newsletter

I contenuti visuali incidono sul peso complessivo della newsletter e, in alcuni casi, possono allertare i filtri antispam o essere bloccati dal client di posta

12.56 quale forma per le call to action

Come rappresentare visivamente le CTA e dove posizionarle nel contenuto

Sostieni “Email Efficace Training” per accedere ai contenuti extra e alla consulenza personalizzata:
ascolta la puntata n.2 di email efficace su Patreon.

Se desideri un kit di modelli email da utilizzare nelle diverse fasi di contatto con i tuoi iscritti, pronti da copiare per velocizzare le vendite e ridurre i tempi della produzione dei contenuti: scopri Email Efficace Sistema.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Back To Top